MEDITERRANEAN DESIGN & FASHION WEEK

Catania - 4/9 giugno 2019

Il testo che segna il passaggio dal Medioevo all’Umanesimo è la matrice concettuale del lavoro di Bianca Aloisi. “Voglio dare una forma estetica alla follia. La pongo come incipit creativo facendola uscire dal suo carattere discriminatorio, affinché possa essere piuttosto considerata come un nuovo mare magnum per la creatività”, conferma la giovane Bianca. Più nello specifico, l’interpretazione dello stato emotivo si avvicina a quella perimetrata dal celebre scritto di Erasmo da Rotterdam. La pazzia è infatti vista come un motore vitale, fortemente definito dalla schiettezza; da una natura estrema, spontanea e diretta.

 

“Non a caso i colori della mia collezione sono stati scelti istintivamente. Sono partita dalla gonna in pelle bianca verniciata, pensata come una lavagna su cui scrivere i miei appunti; spaiati e convulsi. Un vero e proprio flusso di pensiero”, ribadisce Bianca. Pertanto la base cromatica è sempre una tinta neutra, nera o bianca, su cui vengono sovrapposti o intrecciati tessuti dai tinteggi acidi; dal verde caustico al fucsia neon. Poi sono svariati gli innesti di ritratti, dalla resa drammatica e poetica. “Rappresentano gli occhi della gente. Gli abiti diventano uno specchio che riflette il giudizio di chi abbiamo di fronte”. I volti ricamati vengono progettati per scorporarsi dal costrutto su cui poggiano. E conquistano la terza dimensione spaziale nel momento in cui il tessuto gronda languido dai volti presenti sui capi, sotto forma di lunghe frange, fuoriuscendo come lacrime o parole senza forma; vittime della gravità. Pertanto l’accurata ricerca materica è stata effettuata proprio per avere un ruolo di primo piano all’interno della capsule collection. I tessuti infatti sono preziosi, ricamati su telaio. Lane, cotoni e sete sono stati lavorati artigianalmente seguendo il rigore qualitativo del  più tradizionale know-how Made in Italy.

 

 

"Praise to folly"

 

  • bianca-aloisi-a
  • bianca-aloisi-a1
  • bianca-aloisi-a2
  • bianca-aloisi-b
  • bianca-aloisi-b1
  • bianca-aloisi-b3
  • bianca-aloisi-c
  • bianca-aloisi-c1
  • bianca-aloisi-d
  • bianca-aloisi-d1
  • bianca-aloisi-d2
  • bianca-aloisi-e
  • bianca-aloisi-e1
  • bianca-aloisi-e2
  • bianca-aloisi-f
  • bianca-aloisi-f1
  • bianca-aloisi-f2
  • bianca-aloisi-g
  • bianca-aloisi-g1
  • bianca-aloisi-g2
  • bianca-aloisi-h
  • bianca-aloisi-h1
  • bianca-aloisi-h2

 

Si conferma anche quest’anno la sinergia tra Harim e YKK, azienda leader nella produzione di accessori da chiusura. Anche per questo Madeinmedi, YKK Italia supporterà i giovani talenti Harim essendo il main sponsor della kermesse. E come ogni anno gli studenti dell’Accademia Euromediterranea proporranno un loro concetto moda per esaltare al massimo la fornitura di zip messe a disposizione dall’azienda, creando per questa una capsule collection e un fashion film.

 

Per l’edizione 2018 protagoniste sono le zip watreproof su di una collezione beachwear: quattro differenti proposte mare tra contrasti cromatici e tagli ben definiti. A raccontare la capsule collection “Harim for YKK” un fashion film che ricorda il famoso festival musicale californiano: Coachella. Stile anni ’90 e colori fluo porteranno in scena un party bordo piscina, tra musica e divertimento.

 

 

"Harim for YKK"

 

  • ykk-a
  • ykk-a1
  • ykk-a2
  • ykk-b
  • ykk-b1
  • ykk-b2
  • ykk-c
  • ykk-c1
  • ykk-c2
  • ykk-d
  • ykk-d1
  • ykk-d2

 

Con l’edizione 2018 del Madeinmedi il giovane stilista Antonio Attisano ci regala una delle sue collezioni, Sinfonia n° 7. Come una sinfonia dalle note briose, così si presentano i capi di Antonio.

 

Gli otto look sono caratterizzati da un forte dinamismo per rendere al meglio l’idea di movimento; dove le linee ampie e morbide svelano una silhouette allegra e glamour, sempre pronta per ogni occasione. Leggerezza è la parola chiave della collezione, descritta al meglio dalla presenza di trasparenze e rouches. Si gioca su contrasti di colore: le tonalità calde del sabbia si mescolano alle tinte fredde del blu cobalto e alle gradazioni purpuree.

Ancora una volta la sinergia tra Harim e la creatività del giovane artista, prematuramente scomparso, porta in passerella una collezione che racconta un’armoniosa visione di femminilità.

 

 

"Sinfonia n° 7"

 

  • antonio-attisano-a
  • antonio-attisano-a1
  • antonio-attisano-a2
  • antonio-attisano-b
  • antonio-attisano-b1
  • antonio-attisano-b2
  • antonio-attisano-c
  • antonio-attisano-c1
  • antonio-attisano-c2
  • antonio-attisano-d
  • antonio-attisano-d1
  • antonio-attisano-d2
  • antonio-attisano-e
  • antonio-attisano-e1
  • antonio-attisano-f
  • antonio-attisano-f1
  • antonio-attisano-g
  • antonio-attisano-g1
  • antonio-attisano-g2
  • antonio-attisano-h
  • antonio-attisano-h1
  • antonio-attisano-h2

 

Anche per l’edizione 2018 non manca la partecipazione della designer egiziana Shahira Fawzy, che quest’anno, con la collezione Hellenic Alexandria, ci fa fare un viaggio nella storia, riportandoci ai tempi di Cleopatra e Giulio Cesare. Si tratta di un omaggio alla ricchissima cultura nata in seguito alla guerra tra Egitto e Impero Romano, una cultura storica ed artistica rimasta immutata per anni e fonte d’ispirazione per numerosi artisti.

 

I capi della collezione di Shahira si ispirano alle shogas, lunghi tessuti che vengono legati, ripiegati e usati dalle donne nel deserto; le loro linee ampie e i morbidi panneggi ricordano le maestose statue delle divinità greche ed egizie, prima fra tutte la dea della fertilità Iside, di Alessandria risalenti al 200 a.C.. I colori predominanti sono bianco, nero e blu notte, impreziositi da dettagli e ornamenti in oro e bronzo, che creano un gioco di forme e movimenti. In passerella look sofisticati ed estremamente eleganti grazie alla scelta della seta e del cotone.

 

"Hellenic Alexandria"

 

  • shahira-fawzy-a
  • shahira-fawzy-a1
  • shahira-fawzy-b
  • shahira-fawzy-b1
  • shahira-fawzy-c
  • shahira-fawzy-c1
  • shahira-fawzy-c2
  • shahira-fawzy-d
  • shahira-fawzy-d1
  • shahira-fawzy-d2
  • shahira-fawzy-e
  • shahira-fawzy-e1
  • shahira-fawzy-e2
  • shahira-fawzy-f
  • shahira-fawzy-f1
  • shahira-fawzy-f2
  • shahira-fawzy-g
  • shahira-fawzy-g1
  • shahira-fawzy-g2
  • shahira-fawzy-h
  • shahira-fawzy-h1
  • shahira-fawzy-h2
  • shahira-fawzy-i
  • shahira-fawzy-i1
  • shahira-fawzy-l
  • shahira-fawzy-l1
  • shahira-fawzy-l2
  • shahira-fawzy-m
  • shahira-fawzy-m1
  • shahira-fawzy-n
  • shahira-fawzy-n1
  • shahira-fawzy-n2
  • shahira-fawzy-o
  • shahira-fawzy-o1
  • shahira-fawzy-o2
  • shahira-fawzy-p
  • shahira-fawzy-p1
  • shahira-fawzy-p2
  • shahira-fawzy-q
  • shahira-fawzy-q1
  • shahira-fawzy-q2
  • shahira-fawzy-r
  • shahira-fawzy-r1
  • shahira-fawzy-s
  • shahira-fawzy-s1
  • shahira-fawzy-s2

 

Rossella Leanza ha deciso di non partire da una fonte d’ispirazione precisa o da un tema forte, ma dalla sua personale visione estetica del contemporaneo; si tratta di una di riflessione sulla condizione dell’uomo come cieco ingranaggio della società in cui vive, riflessione che mira a rompere le convenzioni imposte dalla vita comunitaria.

 

Ed è proprio questo che è espresso dall’irriverente e provocatorio nome della collezione, La plastica nell’umido.  Si tratta di uno sbaglio che è consapevole, di look a prima vista caotici e “sporchi” ma dietro cui sta un attento studio che la designer ha portato avanti. Gettare la plastica nell’umido è un errore, un pensiero brutto ma allo stesso tempo forte, come l’idea che Rossella vuole comunicare attraverso i suoi capi.

Il risultato è una collezione uomo autunno/inverno in cui, tra i toni volutamente freddi, non c’è una predominanza cromatica, ma in cui i colori si confondono e si mischiano. Il tartan è la fantasia principale presente in tutti i capi, cui si accostano diversi lavaggi di jeans, lane e cashmere. La collezione destruttura, riqualifica e infine somma i capi del guardaroba maschile che vengono sovrapposti e accumulati; è un caos ben studiato e strutturato, dietro cui si nascondono costruzioni complicate.

 

 

"La plastica nell'umido"

 

  • rossella-leanza-a
  • rossella-leanza-a1
  • rossella-leanza-a2
  • rossella-leanza-b
  • rossella-leanza-b1
  • rossella-leanza-c
  • rossella-leanza-c1
  • rossella-leanza-c2
  • rossella-leanza-d
  • rossella-leanza-d1
  • rossella-leanza-e
  • rossella-leanza-e1
  • rossella-leanza-e2